2014-07-04 11.22.12

LUCIA BONI

“Haiti”

August 4 – September 5, 2015 (monday-saturday | 8:30AM-6:30PM | Free entrance)

Event Address:

Via Dante,12 Internal Courtyard

Milan – Italy

 

Ayiti

Haiti, in creole Ayiti, in 1803 was the second colony in America to declare independence. Despite this, independence and redemption still remain an illusion for this land, finding itself always overruled by foreign powers and the power of nature. Today’s emblem of this ripped and broken land is the political and economic division of the Hispaniola Island, which divides itself between Haiti and the Dominican Republic.
Taìnos, indigenous people from the Caribbean archipelago, is the same that welcomed Christopher Columbus during his first trip towards The Indies. From that first encounter the stereotype of the indigenous as innocent, welcoming and subdued was born.
No trace of that people has been left. Haiti, taken away from its natives due to European occupation and disease, became the first base of buccaneers, pirates and subsequently one of the landing points on the atlantic route taken by african slave ships.
This series does not aim to take the position of a reporter but instead is the deposition of an experience based, for once, on giving. In this way the land and the people portrayed, are not a passive subject, on the contrary, they get into a dialogue with the camera and therefore the viewers of the exhibition. Capturing the experience the photographer had, on a subjective individual basis with the people of Haiti.
In these photograph’s Haitis history is reiterated in the present having recently been subdued by the force of a devastating earthquake and occupied by new foreign powers.
Nevertheless, the name Haiti itself opens up the great strength of this land and its inhabitants. The original name Ayiti is probably the last mark of the Tainos, which in the indigenous language means “land of the high mountains”. It is in fact from these mountains that the Haitians always find courage, find the will to direct their gaze to the top, to find the highest point of elevation.

 

Haiti in the eyes. On Lucia Boni’s reportage. by Erika Bussetti

Haiti, a land, as we know, devastated by decades of poverty and violence, typhoons and earthquakes. Haiti, a land where time has stopped. Haiti, that goes back to the attention of the international media, periodically, but only when it comes to telling the story of a new tragedy and a state of emergency arising therefrom; Then, as often happens, after a few weeks the news no longer come. And, time comes back to slide, relentless, on the lives of its people, that count days always identical, especially if they are made of extreme poverty. Instead, the voice of Lucia Boni, the author of this reportage, it seems to differ from the chorus and from what most people are used to capture about this far and once majestic island. Her pictures, as she tells us, are the result of his spontaneity, but in our opinion, they are interesting, both for their emotional impact and for their refinement in terms of composition and technique.

So, with the instinct that befits young people, we believe that Lucia has been able to reflect well the flavor of strong contradictions that characterize a land made of the confusion reigning, for example, but, at the same time, that is looking for an order in the small things. Examples are the altar of bottles on sale, or the daily organization to the summer recreation center, where Lucia spent many hours as a volunteer. Hours and days in which the women, often mothers of the children to whom the center is dedicated, work and prepare meals, clean or organize the early morning hours for classroom. Then, from 9am to 1pm all the time is dedicated to games and entertainment and organized by volunteers as Lucia. Imagination, creativity, devotion and empathy are the precious qualities requested. And nothing more magical than to discover that a piece of paper is enough, to these children, to burst into laughter and enthusiasm for hours. If then the little pieces of paper are millions and colored like confetti, we understand even more how precious is the life here, if its simplicity is self-sufficient. So, Haiti, through the eyes of Lucia, was chosen for this exhibition because it is an Haiti that we need to know and understand; an Haiti made of smiles and not only of tears; made of positive stories, after all; made of unexpected colors and vibrancy, despite the chaos of the residues of its many tragedies, still visible under the sky; made more of hope, rather than only neglect. Here because, despite the struggle for survival, that here is the order of the day, we are happy to discover, through these photographs, the spontaneous side of a land that, like his children, resists, looking over all barriers, to the light.

The selection of images here proposed want to mention only in part to the strong human experience of Lucia Boni as voluntary ANPIL ONLUS. The overall choice, in fact, want to emphasize the value as reportage of the pictures of Lucia, who, while not feeling a photo reporter, as she says, we believe she have talent and sensibility to become one. From her photographs, in fact, we believe we can catch an overview of a reality so complex and contradictory as that of Haiti. Where, for example, the religious and votive elements adorn spaces whose walls are covered with bottles of Coca Cola, that’s typical on the island; as well as the garbage and the residues of natural devastations (despite the last earthquake occurred 5 years ago) stand alongside to angles of reality, such as trade or intimacy housewife, who almost seem cared to the extreme of their real possibilities, looking for an order, perhaps, who can concede serenity, even if only for a moment.

 

Lucia Boni, from Milan, is a young artist who centers her practice around travel. She confronts herself with different cultures focussing on specific features of the surroundings through photography and painting. Moving to London in 2011 represented a turning point in her artistic practice. She was introduced to new mediums, and began to explore styles pertaining to the modification of matter and space, through sculpture and site-specific installation.
The serie chosen for this exhibition reflects her experience in 2014 working as a volunteer in Port-Au-Prince with ANPIL ONLUS.

 

Haiti

Sbarcata ad Haiti come volontaria tramite ANPIL ONLUS, con in mente solo i luoghi comuni, ho scoperto una terra con degli abitanti tenaci e soprattutto pieni di speranza.
Con un livello di religiosità altissimo, gli haitiani mi hanno mostrato un paese che nonostante le multiple tragedie subite, a partire dai genocidi, passando per dittature e arrivando ai terremoti, ha sempre un sorriso e una gentilezza da offrire, dimostrando agli occhi del turista che c’è molto di più oltre alla tragedia.
I bambini sono stati i protagonisti della mia esperienza, diretta a Port-Au-Prince con la missione di aiutarli, sono tornata con una sensibilità e occhi diversi, frutto degli impliciti insegnamenti di quei volti innocenti, che inconsapevolmente hanno aiutato me su multipli livelli. Vivendo un mese ad Haiti ho appreso che la speranza e il sorriso, affiancate a un forte senso della comunità, sono gli unici strumenti che permettono di superare anche le più ostili avversità.

 

Haiti negli occhi. Sul reportage di Lucia Boni. di Erika Bussetti

Haiti, una terra, come sappiamo, martoriata da ormai decenni di povertà e violenze, tifoni e terremoti. Haiti, una terra dove il tempo si è fermato. Haiti, che periodicamente risale all’attenzione dei media internazionali, ma solo se si tratta di raccontare la cronaca di una nuova tragedia e lo stato di emergenza che ne deriva; poi, come più spesso accade, dopo poche settimane notizie non ne arrivano più. Allora il tempo torna a scivolare, inesorabile, sulla vita dei suoi abitanti che contano giorni sempre uguali, soprattutto se fatti di miseria estrema. La voce di Lucia Boni, autrice di questo reportage, invece, sembra discostarsi dal coro e da quello che più comunemente siamo abituati a recepire di questa lontana e anticamente maestosa isola. I suoi scatti, più spesso frutto della sua spontaneità, come lei stessa ci racconta, si rivelano a nostro avviso interessanti, sia per il loro impatto emotivo, che per la loro ricercatezza tecnica e compositiva. E così, con la naturalezza e istintività che si addicono ai giovani, nelle immagini qui selezionate, crediamo che Lucia abbia saputo rendere bene il sapore delle forti contraddizioni che caratterizzano una terra, fatta ad esempio di confusione imperante e al contempo di ricerca d’ordine nelle piccole cose, come nell’altare di bottiglie in vendita o nell’organizzazione delle giornate al centro ricreativo estivo, dove Lucia ha trascorso molte ore come volontaria. Giornate in cui le donne, spesso madri degli stessi bambini a cui il centro è dedicato, lavorano e si occupano dei pasti, come delle pulizie, o di organizzare le prime ore del mattino per l’insegnamento scolastico. Poi dalle 9 alle 13 tutto il tempo è per i giochi, il divertimento e nelle mani dei volontari come Lucia. Fantasia, creatività, dedizione ed empatia sono le preziosi doti richieste. E niente di più magico che scoprire che basta un pezzo di carta a questi bambini per scoppiare in risate ed entusiasmo per ore. Se poi i pezzettini di carta sono milioni e colorati come coriandoli si capisce ancora di più quanto preziosa sia la vita da queste parti, se la sua semplicità basta a se stessa. Haiti vista con gli occhi di Lucia è stata scelta per questa esposizione anche perché è una Haiti di cui si sente il bisogno di sapere e conoscere; una Haiti fatta di sorrisi e non solo pianti, di storie positive, nonostante tutto, di inaspettati colori e vivacità pur nel caos dei residui delle sue mille tragedie, ancora ben visibili a cielo aperto; fatta ancora di speranza, piuttosto che di solo abbandono. Nella lotta per la sopravvivenza, che qui è all’ordine del giorno, siamo allora ben felici di scoprire, attraverso queste fotografie, il lato più spontaneo di una terra che, come i suoi figli, resiste, guardando oltre tutte le barriere, verso la luce.

La selezione delle immagini qui proposta ha voluto accennare solo in parte alla forte esperienza umana frutto del viaggio di Lucia Boni come volontaria ANPIL ONLUS. La scelta complessiva, infatti, ha voluto sottolineare anche il valore di reportage del lavoro di Lucia, che, pur non sentendosi fotoreporter, come lei stessa dice, crediamo abbia certo il talento e la sensibilità giusti per diventarlo. Lo dimostrano le sue stesse fotografie, dalle quali, infatti, pensiamo si possa trarre uno sguardo d’insieme sul quotidiano di una realtà tanto complessa e contraddittoria come quella haitiana, in cui, per esempio, gli elementi religiosi e votivi ingioiellano spazi i cui muri sono ricoperti di bottigliette di Coca Cola, per altro tipici sull’isola, così come l’immondizia e i residui delle devastazioni naturali (nonostante dall’ultimo terremoto siano già trascorsi 5 anni) si affiancano ad angoli di realtà, come quelli commerciali o di intimità casalinga, che, quasi, sembrano curati all’estremo delle loro reali possibilità, alla ricerca di un ordine forse, che possa, anche solo per un attimo, concedere serenità.

 

Lucia Boni, da Milano, è una giovane artista che concentra la sua attività durante “il viaggio”. Lei si mette a confronto con le diverse culture concentrandosi sulle caratteristiche specifiche dell’ambiente attraverso la fotografia e la pittura. Trasferirsi a Londra nel 2011 ha rappresentato un punto di svolta per la sua attività artistica. Si è avvicinata a nuovi mezzi e ha iniziato ad esplorare stili relativi alla modifica della materia e dello spazio, attraverso la scultura e installazioni artistiche.
La serie di fotografie scelta per questa mostra riflette la sua esperienza nel 2014 quando lavorò come volontaria a Port-Au-Prince con ANPIL ONLUS.

Share this:
error: Content is protected !!